Paola_Russo_culinary_nutrition_MangiareSenzaZucchero

Paola Russo

Comunicazione e culinary nutrition

Sono Paola, sono cresciuta a pane e comunicazione e vivo a Milano dai tempi dell’università.

Oggi sono un’appassionata di cucina sana e naturale, ma non è sempre stato così.

Dolci, formaggi e prodotti da forno sono sempre stati i miei cibi preferiti e li consumavo quotidianamente.

Già a vent’anni, per quanto il mio peso fosse nella norma, avevo valori di colesterolo e glicemia costantemente alti.
Tuttavia, la salute non era affatto tra i miei pensieri.
Ero letteralmente dipendente da quei sapori e non intendevo rinunciare a ciò che avevo sempre mangiato.
Semplicemente, pensavo al cibo con la tipica visione femminile: fa ingrassare / non fa ingrassare.

Come la maggior parte delle adolescenti, avrei voluto essere più magra.
Facevo però poco sport e le diete che provavo a seguire non mi davano alcun risultato.


Durante gli anni dell’università, decisi quindi che le restrizioni non facevano per me e che il mio destino fosse di essere “piacevolmente formosa”.
Impegnata in mille attività, non dedicavo più di 10 minuti alla preparazione dei pasti, consumando regolarmente cibi pronti e surgelati, velocissimi da riscaldare ed adatti anche alla più inesperta delle cuoche.

Non avevo mai pensato al cibo in termini salutistici, finché non mi venne diagnosticato un tumore al seno.

Dopo lo sgomento iniziale, sentii subito il bisogno di conoscere ogni aspetto della malattia e di contribuire attivamente al processo di guarigione.
Contemporaneamente alle cure previste dal protocollo, iniziai quindi a fare ricerche e fu subito chiaro quanto una corretta alimentazione potesse fare la differenza.

La malattia aveva improvvisamente fatto diventare la salute non più qualcosa di scontato, ma un obiettivo per il quale impegnarsi duramente.


Di fronte ad una simile sfida, ero disposta a qualunque sacrificio, come non era mai accaduto in passato.

Ero pronta a rimettere in gioco tutte le mie abitudini:
volevo con tutte le mie forze rendere il mio corpo un ambiente sano, forte e pieno di energia.

Ancora non sapevo cosa significasse mangiare bene, come avrei dovuto impostare i miei pasti, non conoscevo le proprietà degli alimenti e quanto potessero contribuire a mantenere il benessere.

“Quante cose credevo di sapere e quanti errori facevo senza rendermene conto”!

La cosa che più mi colpì, all’inizio, fu constatare la leggerezza con cui la maggior parte dei medici tratta l’alimentazione, che è invece un aspetto fondamentale della salute.

Solo dopo lunghe ricerche, trovai degli specialisti (nutrizionisti, oncologi, medici olistici) che avevano dedicato passione ed energie a comprendere quanto il cibo potesse influire sul benessere e davano quindi la massima importanza all’alimentazione nel processo di cura e guarigione.

Così, passo dopo passo, iniziai ad accumulare conoscenze fondamentali.

Scoprii i motivi per cui le proteine animali vanno limitate, ma soprattutto seppi che lo zucchero è il nutrimento principale delle cellule tumorali e quindi va in tutti i modi evitato.

Per questo, una volta che il nuovo regime diventò per me uno stile di vita semplice e naturale, il concetto di Mangiare senza zucchero è quello che più ho sentito l’esigenza di trasmettere.

Mangiare senza zucchero - Logo

La necessità di ridurre al minimo lo zucchero è un argomento di cui si parla con sempre maggiore insistenza, ma nonostante ciò resta un percorso in cui mancano guide.
Nel cercare ricette senza zucchero, mi imbattevo costantemente nell’utilizzo di alternative come gli sciroppi o i malti, ma non era questo che cercavo.

Avevo bisogno di evitare non solo lo zucchero raffinato,
ma anche tutte le sostanze che alzano la glicemia.
Questo è il vero obiettivo.

So bene quanto sia difficile eliminare velocemente lo zucchero dalla propria alimentazione, poiché si nasconde in quasi tutti gli alimenti confezionati, di cui io stessa facevo ampio uso.

Dovetti quindi studiare come mettere a punto nuovi menu, provando nuove ricette, imparando a conoscere i cereali integrali e capendo perché alcuni siano preferibili ad altri.

Volevo che il mio nuovo modo di mangiare fosse assolutamente piacevole e divertente, facile e veloce. Così giorno dopo giorno ho sperimentato tantissimo, fino a riempire interi quaderni di appunti e ricette. Ogni giorno portavo in tavola qualcosa di nuovo e straordinariamente gustoso, utilizzando solo cibi freschi e genuini, alleati del benessere.

C’è voluto del tempo, le prove sono state tante ed ora che ho abbandonato completamente le vecchie dannose abitudini mi accorgo di quanta strada abbia fatto.

 

Quali risultati ho ottenuto?

  • Ho contribuito in maniera attiva alla mia guarigione, favorendo l’effetto delle cure a cui mi sono sottoposta.
  • Ho evitato di intossicare ulteriormente il mio organismo, già tanto provato dai pesanti farmaci che ho dovuto assumere.
  • In più, ho ritrovato un peso forma ideale, perdendo in modo molto equilibrato 1 chilo ogni mese, per circa un anno, fino a stabilizzarmi definitivamente.
  • Ah, i miei valori di colesterolo e glicemia sono perfetti, come non erano mai stati in passato.

Ora mi vedo e mi sento in forma e posso un po’ alla volta iniziare ad allenarmi per tonificare il mio corpo, senza preoccuparmi di eliminare i chili di troppo.

Da donna, posso dire che per la prima volta non mi spaventa la prova costume, né temo di recuperare i chili persi, perché non ho semplicemente seguito una dieta, ho cambiato il mio stile di vita, adottando abitudini salutari che potrò portare avanti per sempre in modo naturale.

Stagione dopo stagione, ho imparato a conoscere il “cibo vero”, a valorizzarne i sapori, a cucinarlo rispettandone le proprietà nutritive.

Ho scoperto che per mangiare bene non serve essere cuochi esperti né avere tanto tempo a disposizione, basta sapere cosa fare e come organizzarsi e tutto diventa incredibilmente facile …molto più che con le ricette tradizionali.

Con il progetto Mangiare senza zucchero ed il programma Senza zucchero in 4 settimane, creato in collaborazione col mio compagno Federico per la parte più scientifica, abbiamo voluto condividere le nostre conoscenze e rendere il passaggio ad un’alimentazione senza zucchero il più semplice possibile, affinché tu possa davvero cambiare le tue abitudini senza mai soffrire la fame, mangiando piatti gustosi e facilissimi da preparare …anche per me che non avevo alcun talento ai fornelli!

Come sempre quando un cambiamento mi entusiasma voglio approfondire, studiare, specializzarmi. E così è successo con l’alimentazione salutare: la culinary nutrition è diventata la mia passione, un mondo di meravigliose scoperte che mi ha messa ancora più in connessione con il potere profondo del cibo, che se preparato con sapienza può diventare uno strumento di guarigione profonda.

Oltre a seguire la comunicazione di Mangiare senza zucchero, introduco anche le persone al mondo della culinary nutrition, svelando le tecniche più efficaci per sfruttare le incredibili proprietà del cibo …non solo per la salute, ma anche per la bellezza.

COSA FACCIAMO

Mangiare senza zucchero aiuta donne e uomini che vogliano migliorare le proprie abitudini, a trasformare la propria alimentazione in uno straordinario strumento di benessere.

Mangiare senza zucchero - Logo

consulenza nutrizionale blog

SCOPRI “DA ZERO A HEALTHY”

Da Zero a Healthy - Percorso di cucina salutare